ESCLUSIVA RSS.IT: Benny C, da Jovanotti… a Jovanotti

febbraio 13, 2016 Commenti disabilitati su ESCLUSIVA RSS.IT: Benny C, da Jovanotti… a Jovanotti
ESCLUSIVA RSS.IT: Benny C, da Jovanotti… a Jovanotti

12392062_1091382397540159_7090856567993267009_nLa sua Fanpage Facebook ha più di 8000 fan, il suo account Youtube più di 500 iscritti, il suo sound ha raggiunto tutta Italia e conquistato Lorenzo “Jovanotti” Cherubini che lo ha scelto tramite la sua etichetta discografica per comporre uno dei remix ufficiali della sua “Sabato” (disponibile al link http://youtu.be/P7VxQj2v6aI). Benny Cespuglio, in arte DJ Benny C, è uno dei più promettenti e sicuramente emergenti DJ del panorama nazionale, e Giovedì 18 Febbraio uscirà ufficialmente il suo nuovo singolo “Don’t Let The Sun Go Down” su NEXIMA Records. «Ho iniziato sin da piccolo ad appassionarmi alla musica. Mentre i miei coetanei andavano a giocare con il pallone, io ascoltavano musica dance e mi incuriosiva conoscere da cosa derivavano suoni diversi provenienti da strumenti non “normali”. Così ho scoperto i “sintetizzatori”, e a soli 9 anni ho cominciato a scoprire da autodidatta tutti i programmi usati per comporre musica elettronica. Nel frattempo ho imparato anche a suonare il piano, la chitarra e altri strumenti che mi potevano servire per la composizione della mia musica. Adesso ho un sacco di progetti in mente, ma non posso rivelare più di tanto».

Nel tuo destino c’è Jovanotti, ne sei cosciente?

«Assolutamente si (ride, ndr)! Sia nella vita professionale che privata. Sono entrato per la prima volta in una radio, Radio Stereo Sant’Agata, grazie a un remix non ufficiale di “Tensione Evolutiva”, e da quel momento non sono più uscito da lì dentro. All’inizio mi occupavo solo della parte tecnica di alcuni programmi, poi ho preso le redini di alcuni programmi come “Mashup”, “Remix” programmi condotti con un mio grande amico, e “Shockwave”, un mixato di musica dance. Attualmente mi occupo anche di produrre tutti o quasi i jingle che passano durante la giornata».

10387205_923124877699246_2216463097499688276_nDicevamo: da Jovanotti… a Jovanotti, il tuo remix ufficiale!

«Questa storia è incredibile. Lorenzo tramite i suoi social aveva pubblicato la parte vocale della canzone “Sabato” lanciando un contest in cui chiunque avrebbe potuto fare una sua versione di remix del singolo con una data di inizio e una fine di cui io non mi ero totalmente accorto! Così ho deciso comunque di pubblicarlo sui miei profili ufficiali (Soundcloud, Facebook, e Youtube), e sono stato contattato in un primo momento da uno dei responsabili di “SoleLuna” che mi ha interpellato sulla possibilità di farlo diventare un remix ufficiale tramite la Universal Music, perché sia Jovanotti che il suo collaboratore Pierpaolo Peroni avevano giudicato la mia composizione valida. Poco dopo mi ha contattato l’Universal Music proponendomi il contratto che ho firmato immediatamente! Da quel momento il mio remix, ancora disponibile online all’interno di “Sabatomania”, è entrato a far parte dei 30 selezionati su oltre 800 inviati. Pensare di far parte di questo progetto con gente come Salmo, Jhonny Groove, Molella e tanti altri nomi importanti è davvero emozionante e stimolante. Nel frattempo ho anche conosciuto personaggi famosi, ma non sono cambiato di una virgola: ho solo cercato di prendere ispirazione da loro per migliorare il mio bottino di conoscenze».

11329947_985358648142535_5606704789016126504_nSe ti dico “Musica” a cosa pensi?

«Penso alla parola “vita”. Penso a quello che faccio e alle mie serate, penso a quando guardo la pista e vedo la gente ricambiare il mio entusiasmo, penso a quando sono in console e tento di capire cosa vuole in quel momento la gente. Per me è il lavoro più affascinante che ci sia. La musica trasmette emozioni, e la mia provo a condividerla con tutti. Fare il DJ per me non è mettere in playlist le 10 hit del momento, ma guardare le singole persone e capire se si stanno divertendo come me. La sensazione senza dubbio più bella è “suonare” un pezzo e vedere la gente corrispondere al tuo entusiasmo».

Gabriele Ferruccio