S.Agata Militello: Venerdì 4 agosto, secondo appuntamento con Nebrodi Cinema Doc.

luglio 31, 2017 Commenti disabilitati su S.Agata Militello: Venerdì 4 agosto, secondo appuntamento con Nebrodi Cinema Doc.
S.Agata Militello: Venerdì 4 agosto, secondo appuntamento con Nebrodi Cinema Doc.

 

Secondo appuntamento con la Rassegna NEBRODI CINEMA DOC 2017, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del comune di Sant’Agata di Militello e curata da Franco Blandi.

Venerdi 4 agosto alle ore 21.30, presso il Cortile di Castello Gallego di Sant’Agata di Militello, proiezione del film documentario “Al Qàrya, il paesaggio naturale e umano nel territorio di Alcara Li Fusi”, di Franco Blandi e Nuccio Roberto.

La serata ha per tema lo sviluppo sostenibile nelle sue relazioni con le emergenze del territorio dei Nebrodi: naturalistiche, umane, culturali, storiche, antropologiche.

“Tra la valle del Rosmarino e l’imponente massiccio delle rocche del Crasto, ecco Alcara Li Fusi, avvolta dai monti Nebrodi, di origini antichissime. Qui, uomini e donne, sono i testimoni e i custodi del legame profondo che unisce la comunità al proprio territorio, alle proprie origini, alle proprie tradizioni.”

Inizia così Al Qàrya, film documentario dedicato al paesaggio naturale e umano nel territorio di Alcara Li Fusi. Paesaggio umano come ricerca del rapporto tra le storie di vita degli uomini e le storie dei luoghi, dei segni che il tempo ha impresso. Come ricerca dell’identità di ciascuno, intimamente legata alla propria terra. I riti, i suoni, le tradizioni, le attività, i prodotti, testimoniano il legame profondo con le radici e il territorio. Il paesaggio naturale, in equilibrio instabile tra le ferite subite e la ricerca di armonia con le attività umane, è testimone privilegiato. Osservarlo, conoscerlo, studiarlo, aiuta a far crescere la consapevolezza, contribuendo a salvaguardare l’esistente e a sanare, o quantomeno a lenire, le innumerevoli ferite.

In una terra piena di contraddizioni come quella siciliana, invertire la rotta, puntando sullo sviluppo sostenibile legato a ciò che offre il territorio, piuttosto che importare modelli di sviluppo che nulla hanno a che fare con il territorio stesso, è una scommessa che può apparire utopica, sicuramente difficile, ma non impossibile. Chi percorre questa strada merita attenzione e rispetto.

Nota del regista: Due anni vissuti nel territorio, a stretto contatto con la comunità di Alcara Li Fusi, con l’enorme patrimonio naturale e culturale ricevuto in eredità. Ecco l’essenza del documentario Al Qàrya, nome arabo con cui venne chiamata l’antica Alcara Li Fusi. Qui, associazioni, amministratori, imprese e semplici cittadini, tentano di percorrere una strada nuova, quella che guarda a ciò che il territorio offre, che crede nella salvaguardia dell’ambiente, nell’accoglienza dei visitatori interessati alla storia, alle tradizioni, alla cultura popolare.

Consapevoli che questo stesso territorio presenta ancora grandi ferite e contraddizioni, ci è sembrato ancora più importante e urgente proporre una storia “normale”, ma in controtendenza, in una terra come quella siciliana, dove spesso la criminalità, il malaffare e la politica, hanno impedito alle popolazioni la libertà di scegliere del proprio destino.

Al termine delle proiezioni gli autori dialogheranno con i protagonisti del documentario.

“Un film non può cambiare il mondo, ma può contribuire a capirlo e quindi…a cambiarlo”. E’ questo lo slogan che il direttore artistico ha scelto per la rassegna che, nell’ambito delle manifestazioni estive, destinate, com’è giusto che sia, allo svago e all’intrattenimento, vuole creare anche momenti di riflessione su tematiche che sempre di più interessano le nostre vite e quelle dei nostri figli. Le arti, ed in particolare quelle visive, possano dare un contributo notevole sul piano della conoscenza, sensibilizzazione ed educazione al rispetto degli altri e dell’ambiente. Per queste ragioni la rassegna cinematografica è dedicata ai film e ai documentari che hanno per tema la cultura, l’ambiente e la solidarietà.

 

Comments are closed.