“WIFI4EU”: INTERNET GRATIS NEI LUOGHI PUBBLICI. SANT’AGATA TRA I COMUNI BENEFICIARI DEI FONDI EUROPEI.

dicembre 8, 2018 Commenti disabilitati su “WIFI4EU”: INTERNET GRATIS NEI LUOGHI PUBBLICI. SANT’AGATA TRA I COMUNI BENEFICIARI DEI FONDI EUROPEI.
“WIFI4EU”: INTERNET GRATIS NEI LUOGHI PUBBLICI. SANT’AGATA TRA I COMUNI BENEFICIARI DEI FONDI EUROPEI.

Importante traguardo per il comune di Sant’Agata Militello inserito nella graduatoria della Commissione europea tra i 244 comuni italiani che si sono aggiudicate i fondi del primo bando “Wifi4EU”, il programma con cui Bruxelles finanzia l’installazione di reti internet Wi-Fi gratuite in luoghi pubblici. A Sant’Agata Militello, ed agli altri comuni aggiudicatari, sarà corrisposto un voucher da 15mila euro per finanziare la parte hardware, ossia le apparecchiature per le reti Wi-Fi, mentre a carico dei comuni rimarranno i costi del servizio con operatori accreditati per la connettività. Le reti Wi-Fi potranno essere installate in luoghi pubblici, come piazze, parchi, biblioteche, uffici municipali, alle quali i cittadini si potranno collegare gratuitamente e senza sistemi di cessione dei dati personali. I comuni vincitori, per poter riscuotere il voucher, dovranno sottoscrivere un accordo con l’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (Inea), organo della Commissione europea. “Acquisiamo un ulteriore e significativo risultato amministrativo che consentirà la libera connessione gratuita ad internet per tutti – commenta soddisfatto Antonio Scurria, assessore con delega alla comunicazione e servizi informatici –. L’accoglimento della nostra istanza di finanziamento, puntualmente presentata dagli uffici lo scorso 7 novembre, permetterà di installare le apparecchiature necessarie per l’attivazione del servizio, che contiamo di avviare in breve tempo” Erano stati 3.202 i comuni italiani (13mila totali quelli europei) a partecipare al bando, in scadenza lo scorso novembre, per poter accedere ai fondi. La Commissione europea ha quindi posto un tetto massimo di 244 comuni per ciascun Paese, l’8% del budget totale delle risorse disponibili, pari a 42 milioni di euro. Un secondo bando sarà predisposto nei primi mesi del 2019.