Acquedolci: Casa delle Culture, da domenica 10 novembre, mostra dell’artista Giuseppe Coci.

L’Associazione Culturale Mediterraneo organizza presso la Casa delle Culture una mostra personale dell’artista Giuseppe Coci.

Un ritorno molto gradito, dopo una fase di attesa e di riflessione, che segna un rinnovamento nel tratto e nei colori. Lo spettatore attento saprà distinguere le ultime opere realizzate negli ultimi due anni da quelle storiche che datano una decina di anni fa o forse anche di più.
La mostra non sarà distinta in due sezioni cronologiche, ma l’allestimento seguirà una linea diversa, suggerita dall’abbinamento dei temi e soprattutto dalle suggestioni che l’insieme dei lavori del maestro ci potranno donare.
Il passaggio dal nero e dai colori oscuri, segno della prevalenza del sentimento pessimista, a quelli chiari e luminosi, espressione di serenità, ci fornisce una finestra sulla produzione di un artista che spazia nell’introspezione sull’esistenza umana; un espressionismo che cela momenti di intimità interiore e gridi di allarme per le derive nefaste del comportamento irrazionale degli esseri umani contro l’ambiente o contro altri esseri umani. La ribellione della natura si esprime nella trasformazione di animali ed alberi in figure quasi mitologiche che ci scuotono e ci invitano a riflettere. Il messaggio dell’artista però non è mai didascalico, ma lascia all’osservatore la libertà di “estrarre”, dal quadro o dalla scultura, il significato che gli suggerisce il proprio stato d’animo.
“Una pittura di resistenza” la chiamerei. Resistenza contro l’odio e il disprezzo per l’altro, resistenza della natura malgrado le nostre distrazioni, resistenza contro le forze della guerra e della morte. Una resistenza simboleggiata in diversi quadri dall’albero che sfida le intemperie, che salva il naufrago, che coccola il corpo nudo di una donna distesa sotto i raggi del sole oppure che contorna e protegge una donna rifugiata con figlio in grembo.
Sono quadri inediti ed altri datati, ma tutti ci consegnano la creatività incommensurabile di un uomo che ha dedicato la sua vita all’Arte con la A maiuscola.
La mostra si inaugura Domenica 10 Novembre 2019 alle ore 17:00 e rimarrà aperta al pubblico, con ingresso gratuito, fino al 30 Novembre 2109. Orario di apertura pomeridiano dalle 16:00 alle 20:00.
Casa delle Culture è sita in via Vittorio Emanuele II, 3/5
98070 Acquedolci (Me)
(Farid Adly)