Acquedolci: Mostra, dal 31 Luglio 2020 la biennale “Principessa Thea”

 

Venerdì 24 luglio 2020, si è svolta la conferenza stampa della biennale “Principessa Thea” che sarà inaugurata il 31 luglio alle 18:00 nella sala consiliare di Acquedolci a cura dall’Associazione Culturale Galleria Palazzo Paveri Fontana con il patrocinio del comune di Acquedolci. Presenti in sala consiliare il sindaco Alvaro Riolo,  il presidente Valeria Rubuano e l’assessore Giuseppe Reitano, felici della collaborazione con il Sig Cordaro, la Signora Tamara Gallo e lo storico dell’arte Beatrice Cordaro, ideatori dell’evento. La mostra sarà visitabile in sala consiliare per un mese intero, fino al 31 agosto, in orario di apertura degli uffici comunali. Sarà comunque possibile prenotare una visita fuori orario telefonando al numero 0941731127. Duplice è il significato contenuto nel nome dato alla biennale, dicono gli organizzatori: “da un lato si rifà ad un ritrovamento prettamente archeologico legato al luogo scelto per il nostro evento, dall’altro abbiamo dato vita ad una linea che collega lo stesso nome ad un significato metaforico. Nel 1973 presso la grotta di San Teodoro ad Acquedolci, venne ritrovato uno scheletro particolarmente interessante in merito alla ricerca e alle scoperte storico – archeologiche legate alla nostra Sicilia. La datazione attribuita al suddetto scheletro, che aveva caratteri femminili di giovane età, si rifà a circa 11 mila anni a dietro. È probabile che la donna, chiamata Thea, facesse parte di una classe sociale di alto livello, forse una sacerdotessa o una principessa. Al contempo, è noto come il nome Thea significhi Dea, dunque divinità, essere sacro e soprannaturale. È qui, allora, che la sacralità, la scoperta archeologica e lo status sociale di alta nobiltà che contraddistingueva donna Thea, si mescolano, creando un forte legame sinergico che rimanda all’aura sacra e alta che noi percepiamo nell’arte. Il sentimento artistico e il suo concretizzarsi sembrano essere mossi da ispirazione divina, elemento capace di elevare lo spirito. Dietro le mani e la mente dell’artista si cela un mistero empireo e salvifico. Così non solo ai tempi di Giotto, di Michelangelo, di Caravaggio o di Reni, che pareva realmente operassero sotto dettatura di Dio, ma anche oggi, con l’arte del Novecento, questo carattere trascendente continua a persistere. La Biennale di Thea è un evento artistico tanto attesa in territorio regionale e nazionale, sia dai nostri artisti sia da chi con costanza ci segue. Particolare è inoltre il momento che stiamo vivendo, un momento in cui tutto sembra tornare piano piano alla normalità. Proprio per questo siamo certi che sarà maggiormente sentita e apprezzata”.

Gli artisti partecipanti alla Biennale, naturalmente tutti selezionati dal nostro team, sono:
Elena Bellotti
Martina Capocasa
Antonio Casolin
Elena Cavanna
Cinzia De Vita
Daniele Digiuni
Rossella Di Nicolò
Monica Ferrera
Mauro Fornasier
Giacomo Frigo
Tamara Gallo
Rossella Gentili
Sandra Gusso
Nunzio Mazzamuto
Patrizia Micheloni
Iryna Omelin
Turci Otello
Aldo Palma
Roberto Perusi
Ornella Pezzotta
Salvatore Privitera
Matteo Pugliares
Antonio Puliafico
Egidio Renna
Salvo Scifo
Laura Vitali
Emmanuela Zavattaro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: