Caronia: il cadavere ritrovato è della 43 messinese.

E’ di Viviana Parisi il cadavere trovato nel pomeriggio nei boschi attorno a Caronia (nella foto il luogo del ritrovamento).
La conferma è arrivata dalla fede che la donna aveva al dito, all’interno della quale c’è scritto il nome del marito, e dalle scarpe indossate dalla donna. Sarà eseguito sia l’esame del dna che l’autopsia.
Gli inquirenti hanno sequestrato nell’area del ritrovamento un traliccio che regge cavi dell’energia elettrica per capire se la donna possa essersi gettata dall’alto dopo essere salita sull’impalcatura.
Il giallo, a questo punto, presenta un altro risvolto drammatico non ancora risolto: se la donna morta è proprio Viviana, dov’è finito il figlio Gioele di 4 anni con cui è scomparsa?
Le ricerche del bambino sono riprese con un massiccio impegno di uomini, mezzi e cani molecolari che proseguiranno per tutta la notte. L’area divisa per reticoli è di oltre 300 ettari.
Le ricerche si svilupperanno a partire dal punto in cui è stato ritrovato il cadavere della donna. In linea d’aria è a meno di un chilometro dalla galleria Pizzo Turda nel quale Viviana Parisi ha avuto il lieve incidente con il furgone degli operai di una ditta di manutenzione.
Secondo la ricostruzione degli stessi operai, che si sono subito fermati per deviare il traffico, la donna avrebbe proseguito per un tratto e poi sarebbe scomparsa. I vigili del fuoco hanno seguito le sue tracce per alcune centinaia di metri.
La logica avrebbe voluto che Viviana imboccasse un varco sul lato destro della carreggiata. Invece, la posizione del cadavere, ammesso che sia proprio quello della donna, indica che abbia lasciato a piedi l’autostrada scavalcando il guard rail a sinistra.
Da qui si sarebbe allontanata per alcune centinaia di metri prima di trovare la morte nella boscaglia vicina. Gli operai sostengono che era sola (altri dicono che fosse con il figlio). Resta da capire a questo punto dove sia finito Gioele.
Gli investigatori vogliono appurare cosa abbia fatto la donna nei venti minuti trascorsi tra la sua uscita nel casello autostradale di Sant’Agata di Militello e il suo rientro in autostrada. La speranza è che la donna abbia affidato il bambino a qualcuno.
Accanto a questo filo di speranza vi è però anche la terribile ipotesi che il bambino sia morto e il suo corpo sia stato fatto a pezzi dai cinghiali. Il medico legale, infatti, ipotizza che Viviana Parisi sia morta lo stesso giorno della scomparsa e che il suo corpo oltre al deperimento per cause naturali e climatiche sia stato sfigurato da animali selvatici.

(LS)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: