Coronavirus, la situazione a San Marco d’Alunzio

Coronavirus, ecco la situazione a San Marco d’Alunzio

 

Isolamento fiduciario

51 persone – dalla data dell’08.03.2020 ad oggi sono stati posti in quarantena, in regime di isolamento fiduciario, tutti i soggetti rientrati in Sicilia, come previsto da DPCM e ordinanza regionale. Di queste 51 persone, 17 sono familiari che coabitano con un soggetto obbligato all’isolamento.

Il censimento è stato disposto dal Sindaco, in collaborazione con la Polizia Municipale, già a partire dal 21.02.2020. Essendo San Marco D’Alunzio un piccolo centro di 1900 abitanti circa, avviare tale monitoraggio è stato possibile.

I dati raccolti vengono trasmessi all’ASP e, dunque, ai medici di base.

Attività di sanificazione e disinfestazione

All’indomani del DPCM del 08.03.2020, il Sindaco, insieme al responsabile dell’area tecnica ed al responsabile delle risorse umane, ha portato avanti, con la maggiore attenzione che il momento richiede, l’attività di sanificazione di strutture pubbliche di proprietà dell’Ente, contando sul personale del Comune, che, nonostante la difficoltà del momento, ha confermato la propria disponibilità a rimanere in servizio. Sebbene la fornitura di DPI sia stata e sia limitata, si è lavorato in sicurezza, a tutela della salute degli operatori addetti alla sanificazione, in primis, ma anche a tutela delle poche unità rimaste al lavoro, indispensabili per i servizi essenziali.

A partire dal 16 marzo, si è provveduto alla sanificazione delle aree esterne prossime essenzialmente agli esercizi commerciali rimasti attivi sulla base della normativa vigente, quali ad esempio la farmacia, le botteghe, i supermercati, i rivenditori di generi alimentari etc., includendo qualche spazio aperto.

Tale azione è volta alla tutela dei soggetti che si rechino ad acquistare beni di prima necessità. Ad ogni buon conto si rammenta che restare a casa è un obbligo, pertanto si sconsiglia qualsivoglia attività all’esterno che non sia improrogabile o indifferibile.

Compatibilmente con la disponibilità di personale del Comune – tenuto conto anche della difficoltà momentanea a reperire ditte esterne – si continueranno comunque le operazioni intraprese. Ove necessario, sarà informata la cittadinanza prima che le operazioni vengano poste in essere.

Servizi domiciliari

I rivenditori di generi alimentari hanno offerto e continuano a offrire il servizio di consegna a domicilio. Il Sindaco ha, invece, concordato che il servizio a domicilio di consegna dei farmaci sia garantito soprattutto alle famiglie in quarantena e agli anziani, incontrando la massima disponibilità della farmacia e dei suoi della parafarmacia locali. Si ricorda, infatti, che in deroga alla normativa sulla privacy, le ricette possono essere inviate dal medico a mezzo posta elettronica.

L’attività di amministrazione continua

Il Sindaco arch. Dino Castrovinci, in continuo contatto con i colleghi amministratori della nostra provincia, con la Prefettura di Messina, con il DPCR e con l’ASP, porta avanti la sua attività amministrativa con impegno e dedizione, nel tentativo di contenere il rischio di trasmissione del Covid-19. Nei post sulla pagina Facebook dedicata, nonché sul sito istituzionale dell’Ente ha ricordato e continua a raccomandare ai suoi concittadini di restare a casa e di uscire solo per comprovata necessità.

Pochi giorni fa si è tenuto l’ultimo consiglio comunale nel quale è stato approvato il bilancio di previsione 2020-2022, necessario per porre in essere tutte le iniziative di carattere economico dell’Ente, sia di ordinaria che di straordinaria amministrazione, ma soprattutto nell’attuale fase di emergenza. La Giunta Comunale, nell’ultima seduta tenutasi il 16.03.2020, ha approvato, tra l’altro, la delibera relativa al c.d. lavoro agile per i dipendenti dell’area amministrativa, in accordo con quanto previsto in questa fase. Si sta lavorando per incrementare tale forma di lavoro anche per le altre aree.

(T.C.M.)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: