Maltempo: allerta rossa in Sicilia

 

Il profondo minimo barico, attualmente presente a est dell’isola di Malta, tende – come annunciato nell’avviso meteo di ieri – a risalire verso le coste ioniche di Sicilia e Calabria meridionale, determinando una nuova fase di maltempo nel Sud Italia.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende il precedente, ancora in corso di validità. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, venerdì 29 ottobre, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale sulla Calabria, in particolare sui settori meridionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, venerdì 29 ottobre, allerta rossa su parte della Sicilia, allerta arancione sui settori meridionali della Calabria e su settori della Sicilia e allerta gialla sulle restanti aree della Sicilia e sulle zone centrali della Calabria.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.
Per domani venerdi 29 ottobre, gli uffici regionali delle province di Catania, Messina, Ragusa e Siracusa resteranno chiusi. “Ho disposto, dice il Presidente della Regione, Musumeci, il provvedimento a seguito del permanere dello stato di allarme per rischio idrogeologico. Il provvedimento adottato è finalizzato a ridurre sia la mobilità nelle aree fortemente a rischio e sia la esposizione dei cittadini al pericolo. Si punta anche a facilitare l’eventuale movimento dei mezzi di soccorso, in caso di necessità. Per la sola provincia di Catania si tratta di una proroga di ventiquattrore, essendo già stato adottato il provvedimento di chiusura per due giorni, il 27 e 28. Resteranno aperti solamente gli uffici regionali che erogano servizi pubblici essenziali ed esattamente: i servizi della Protezione civile, tutti i presidi ospedalieri, le strutture sanitarie, gli Uffici del Genio civile, gli Ispettorati ripartimentali delle foreste. Ho il dovere di raccomandare a tutti, conclude Musumeci, di evitare spostamenti e, soprattutto, di rinunciare all’uso di automobili, in caso di pioggia: l’insidia è sempre dietro l’angolo”.

A Messina il sindaco, Cateno De Luca, con Ordinanza n. 245 di questa sera, giovedì 28, ha disposto per domani, venerdì 29, la chiusura di tutti gli Istituti scolastici pubblici, privati e parificati di ogni ordine e grado, compresi quelli dell’Infanzia, gli Asili nido, le Strutture educative ed assistenziali (a gestione diretta ed indiretta), i cimiteri, le ville e gli impianti sportivi comunali.
Le scuole in provincia di Messina resteranno chiuse a:
Savoca (Messina)
Milazzo (Messina)
Spadafora (Messina)
Falcone (Messina)
Torregrotta (Messina)
San Piero Patti (Messina)
Taormina (Messina)
Venetico (Messina)
Letojanni (Messina)
Piraino (Messina)
Sant’Angelo di Brolo (Messina)
San Filippo del Mela (Messina)
Monforte San Giorgio (Messina)
Barcellona Pozzo di Gotto (Messina)
Rodì Milici (Messina)
Condrò (Messina)
Naso (Messina)
Giardini Naxos (Messina)
Castelmola (Messina)
Gallodoro (Messina)
Mongiuffi Melia (Messina)
Forza d’Agrò (Messina)
Gaggi (Messina)
Malvagna (Messina)
Graniti (Messina)
Francavilla (Messina)
Mojo Alcantara (Messina)
Santa Domenica (Messina)
Roccella Valdemone (Messina)
Fiumedinisi (Messina)
S. Alessio (Messina)
Furci (Messina)
S. Teresa di Riva (Messina)
Antillo (Messina)
Roccalumera (Messina)
Pagliara (Messina)
Mandanici (Messina)
Nizza (Messina)
Alì (Messina)
Alì Terme (Messina)
Terme Vigliatore (Messina)
Itala (Messina)
Scaletta (Messina)

 

GUARDA IL BOLLETTINO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: