Messina, lunedì 27 on line Fabio Lazzara e Giorgia Masseroni per ‘La Luna Obliqua’

Lunedì 27 aprile dalle ore 18 alle ore 20:30 tornerà a “mettere in equilibrio” le voci dei performer e degli allievi della “Luna Obliqua” di Sasà Neri il vocal trainer Fabio Lazzara, in una master class che – come le circostanze impongono – si terrà on line. Non è tutto. In quelle due ore e mezza, infatti, un’altra ospite d’eccezione raggiungerà via chat i vari ensemble della “Luna Obliqua. Si tratta dell’attrice Giorgia Masseroni, volto sempre più noto di cinema, tv e teatro.

“Questa master class duplice – commenta Sasà Neri – è un’occasione fortunata per tutti noi. Siamo grati ai nostri due ospiti e siamo certi, anche in virtù delle passate esperienze, che questo appuntamento ci lascerà tracce importanti, di cui sapremo fare tesoro”.

Delle “magie” di Fabio Lazzara, d’altronde, i Balocchi, gli Esoscheletri e gli altri artisti che fanno capo a Sasà Neri sono “ghiotti”. La master class di lunedì, infatti, segue altri incontri che si sono sviluppati negli anni. Non per caso. Lazzara è socio fondatore e docente collaboratore del CEIMArs “Centro Interdisciplinare di Medicina dell’Arte”, in curriculum ha numerose e importanti collaborazioni con la Compagnia della Rancia e con Peppe Vessicchio, solo per fare qualche esempio; è vocal trainer, tra gli altri, di Barbara Cola (Lady Capuleti, “Romeo e Giulietta” di David Zard), di Marco Guazzone (Sanremo Giovani 2012), Pierdavide Carone (Amici 2010 e Sanremo 2012 con Lucio Dalla), Giorgio Borghetti, Michele Renzullo, Francesco Sarcina (Le Vibrazioni), Fabio Canino, Saverio La Ruina.

Quello con Giorgia Masseroni è invece un primo incontro. Con la giovane attrice i performer della “Luna Obliqua” si confronteranno sul tema della recitazione e delle differenze tra i diversi medium. Masseroni è, infatti, una delle attrici delle fiction televisive di successo “Il paradiso delle signore” e “A un passo dal cielo”, si è diplomata al Centro sperimentale di cinematografia e sul grande schermo è stata in “Le Terre Rosse”, per la regia di Giovanni Brancale (2016), “Nomi e cognomi” di Sebastiano Rizzo (2015), “Stai lontana da me” di Alessio Maria Federici, prod. Cattleya e Rai Cinema (2013) mentre sul palcoscenico è salita, tra l’altro, per “You know I’m no Good”, regia di M. G. Cipriani (Biennale teatro 2017), “Uno per tre” regia di M. di Francesco (2016) e “Lo specchio magico”, regia di Valeria Freiberg (2014). (IC)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: