S.Agata Militello: Covid, i sindaci del distretto sanitario 31 chiedono potenziamento delle Usca e analisi dei tamponi in loco. – IL VIDEO

I sindaci del distretto sanitario 31 fanno fronte comune e ribadiscono con forza all’Asp la necessità di una gestione più efficace dell’emergenza Covid sul territorio, a tutela delle comunità tutte che stanno patendo oltremodo non solo l’emergenza sanitaria ma anche notevoli disservizi legati alla tempistica dei tamponi, alle procedure di isolamento ed alla gestione scolastica.

Ringrazio di cuore, dice il sindaco Bruno Mancuso, tutti i colleghi sindaci per l’ampia partecipazione alla conferenza stampa di oggi,che si è svolta presso il Castello Gallego di S.Agata Militello.

“Presenteremo subito un documento unitario con le richieste all’Asp più imminenti, tra cui l’attivazione di un macchinario per il processo dei tamponi molecolari all’ospedale di Sant’Agata, a beneficio degli utenti dei comuni del distretto sanitario, con la disponibilità pressoché istantanea dei referti ai sindaci ed all’Asp, il potenziamento delle Usca, dedicate soprattuto all’assistenza di pazienti positivi e fasce più deboli, l’attivazione delle Usca scolastiche, il potenziamento del personale a servizio del dipartimento di igiene e una migliore comunicazione dei dati tra distretto e sindaci per una puntuale tracciabilita’ dei soggetti con positività al Covid-19”.

A seguire i video e le interviste della conferenza stampa seguita per noi da Angelo Giallombardo

Ecco il testo della nota inviata dai sindaci del distretto all’ASP di Messina

AL DIRETTORE GENERALE ASP MESSINA
DOTT. PAOLO LA PAGLIA
DIRETTORE.GENERALE@PEC.ASP.MESSINA.IT

AL DIRETTORE SANITARIO ASP DI MESSINA
Dott. BERNARDO ALAGNA
DIRETTORE.SANITARIO@PEC.ASP.MESSINA.IT

AL COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA
DOTT. CARMELO CRISICELLI
CARMELO.CRISICELLI@ASP.MESSINA.IT

Oggetto: Gestione emergenza epidemiologica – segnalazione criticità.
I Sindaci dei Comuni del Distretto Sócio-sanitario n.31 di Sant’Agata di Militello
PREMESSO CHE
1. Con nota prot. N. 13211 del 2.11.2020, gli scriventi avevano sollecitato agli Enti di competenza l’adozione di ogni più opportuno provvedimento al fine di incrementare e rafforzare con estrema urgenza il Dipartimento di Prevenzione del Distretto Socio-Sanitario n. 31 implementandolo sia con figure sanitarie che amministrative necessarie per gli adempimenti connessi con l’individuazione e il tracciamento dei casi positivi, nonché per ogni ulteriore e conseguente adempimento sanitario e amministrativo.
2. successivamente, con nota prot. N. 13590 del 10.11.2020, essendo del tutto rimasta priva di riscontro la nota del 2.11.2020, i Sindaci manifestavano la disponibilità ad avviare accordi di collaborazione tra amministrazioni in base ai quali individuare proprio personale amministrativo con competenza all’adozione degli atti secondo il criterio della residenza in ogni rispettivo comune.
3. anche tale nota rimaneva del tutto priva di riscontro;
CONSIDERATO CHE
4. le precedenti note erano improntate al principio di massima collaborazione tra Enti in un momento di grande emergenza sanitaria e gestionale, tanto che i sottoscritti avevano pure messo a disposizione il proprio personale dipendente affinché potesse curare la parte “amministrativa”;
5. tra le richieste formulate vi era: rapidità per gli esiti dei tamponi, tempestiva trasmissione dei dati dei positivi, con conseguente possibilità di celere effettuazione dei tracciamenti e tempestiva “liberazione” dei soggetti che abbiano terminato la quarantena.
6. purtroppo non si è registrata corrispondenza di collaborazione da parte degli organi in indirizzo e, pertanto, dopo confronto pubblico tra i sottoscritti Sindaci e avuto riguardo alle innumerevoli richieste che pervengono quotidianamente dalla cittadinanza che vive profondi disagi legati all’emergenza e non solo prettamente sanitari, ma legati agli inaccettabili ritardi legati ai tempi di processo dei tamponi e, di conseguenza, di isolamento e fine isolamento dei soggetti interessati,
Tutto ciò premesso e considerato, con la presente i sottoscritti Sindaci
CHIEDONO
-. l’attivazione di un macchinario per il processo dei tamponi molecolari presso l’ospedale di Sant’Agata Militello e a beneficio degli utenti dei comuni del distretto sanitario, la cui popolazione supera i 70.000 abitanti;
-. Conseguente immediata disponibilità dei referti da condividere con i Sindaci e con l’Asp, al fine dell’adozione tempestiva dei provvedimenti di isolamento e fine isolamento anche in relazione alla catena dei contatti stretti;
-. Potenziamento delle Usca da dedicarsi in particolar modo all’assistenza di pazienti positivi e fasce più deboli;
-. Attivazione delle Usca scolastiche.
– Potenziamento della dotazione di personale medico e amministrativo del Dipartimento di Igiene del Distretto di Sant’Agata di Militello.
Si rimane in attesa di urgente riscontro e si porgono distinti saluti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: