S.Agata Militello: Punto nascita, lunedì nuova richiesta di deroga.

“Sul punto nascita di Sant’Agata di Militello si gioca con le parole dice l’Assessore regionale alla salute Ruggero Razza in risposta alla nota diffusa il 30 marzo scorso dal sindaco  Bruno Mancuso relativa alla sua riapertura . Il Ministero – che ha finora negato la deroga all’apertura – sostiene giustamente che la programmazione compete alla Regione e che, poi, Roma valuta la presenza di tutte le condizioni di apertura previste dalla legge. Siccome il governo regionale non ha nulla da aggiungere rispetto a quanto già fatto, facciamo parlare ancora una volta i fatti: lunedì riproporremo la richiesta di deroga e vediamo quale sarà la risposta. Se ci verrà chiesto di chiudere un altro punto nascita sopra i 500 parti o se sarà negata la deroga, avremo raccontato ai cittadini la verità. Ma smentire un documento con cui viene negata la deroga assieme agli altri sotto soglia è davvero un modo inutilmente ostile di definire la realtà”.

“Apprezziamo la disponibilità manifestata dall’Assessore regionale alla salute, Avv. Ruggero Razza, a riproporre la richiesta di deroga al Ministero della Salute per la riapertura del punto nascita dell’ospedale di Sant’Agata Militello dice il Sindaco Bruno Mancuso. Riteniamo, però, che molto dipenda dalla convinzione con cui questa richiesta viene formulata, e dall’accuratezza dei dati proposti a supporto, circa il volume di attività del reparto, il numero potenziale dei parti di donne provenienti dal bacino d’utenza santagatese, che si avvicina ai 700 annui, ed ancora la geo localizzazione e il disagio orografico del territorio, le caratteristiche dei collegamenti con i comuni dell’entroterra, i tempi di percorrenza, la garanzia della completezza dell’organico. In ragione di tutto ciò pochi giorni fa, proprio a seguito della nota inviata dal Direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, dott. Andrea Urbani, insieme ai sindaci dei distretti sanitari 31 e 29 dei Nebrodi abbiamo inviato un nuovo sollecito per un confronto con l’assessorato regionale, tornando a chiedere l’inserimento nella rete dei punti nascita siciliani di Sant’Agata Militello, affinché questo diritto venga finalmente concesso alla popolazione del distretto più popoloso della provincia. Riteniamo decisiva e ci aspettiamo, quindi, soprattutto determinazione da parte del Governo Regionale, senza riserve né esitazioni”.

 

(RS)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: