Caronia: Gioele, undicesimo giorno di ricerche, si batte palmo a palmo la zona dov’è stata rinvenuta Viviana 

“Chiunque abbia visto qualcosa dopo l’incidente, nelle campagne, si faccia avanti, chiami la polizia. Io amo mio figlio e lo voglio trovare…”. E’ l’appello commosso lanciato tra le lacrime da Daniele Mondello, padre di Gioele, il piccolo di 4 anni scomparso lo scorso 3 agosto insieme alla madre Viviana Parisi,la dj di 43 anni trovata poi morta nelle campagne di Caronia nei pressi dell’autostrada A 20 Messina-Palermo
Proseguono, per l’undicesimo giorno consecutivo, le ricerche del piccolo. Una settantina di persone tra vigili del fuoco, polizia, protezione civile, carabinieri e guardia di finanza stanno battendo la campagne di Caronia dove Viviana è stato trovato il corpo senza vita della donna. Le ricerche si stanno concentrando nei luoghi vicini al ritrovamento per spingersi fino a dove, secondo i soccorritori, un bimbo di 4 anni impaurito poteva arrivare in una fitta boscaglia.
I ricercatori stanno decespugliando gran parte del territorio per agevolare le ricerche e stanno utilizzando cani molecolari e per la ricerca di persone morte e droni. La Procura di Patti ieri pomeriggio ha fatto eseguire nella zona dove è stato trovato il corpo della madre del bambino, Viviana Parisi, un sopralluogo da un suo nuovo consulente. “E’ un geologo forense – ha spiegato il procuratore Angelo Cavallo – specializzato nella ricerca di corpi sottoterra, proviamo anche questa carta. Vediamo se riusciamo a delimitare qualche zona”.(lasicilia)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: